www.cellularitalia.com
 
         F O R U M    Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 
Ciao! Log in Crea un nuovo profilo

Avanzata

Udine polizia arresta banda di sbloccatori

Inviato da Seguret 
Udine polizia arresta banda di sbloccatori
13.01.2005 - 02:04
Sul sito cellman e' citato un aricolo ...da leggere se abloccate telefoni Tre ;)

http://www.gazzettino.it/VisualizzaArticolo.php3?Codice=2239601&Luogo=Nordest&Data=2005-01-09&Pagina=5&Hilights=sequestrati (by mod)

''L'indagine è stata avviata sull'ipotesi di violazione della norma che tutela il diritto d'autore''

I legali presenti alla covention di Vodafone dicevano tutto il contrario, cosa ne pensate? Tra voi c'e' un avvocato che puo' fare un commento tecnico-giuridico?

Grazie




----------
mairie-seguret.fr


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
13.01.2005 - 08:40
Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
13.01.2005 - 13:27
finita la pacchia.....
Si per TRE. Vedrai che fine fà questo gestore!!!


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
13.01.2005 - 16:14
Mah, credo proprio che al cospetto di un giudice l'ipotesi di reato non reggerà più di tanto. Insomma la normativa antipirateria e di tutela dei diritti d'autore parla chiaro: il nocciolo della legge è imperniato sulla duplicazione e diffusione illegale di materiale protetto a scopo di lucro. Sbloccare un telefono, per di più acquistato, è una cosa ben diversa; tenedo conto che: a) Il terminale non è di proprietà di Tre/H3G ma bensì di chi lo ha acquistato; b) Il sistema operativo del terminale non è di proprietà di Tre/H3G; c) le tecnologie software, contenute nel terminale, assieme ai rispettivi programmi per poter accedere ai servizi e ai contenuti multimediali ( filamti, immagini, brani audio, streaming audio/video ) appartengono a produttori terzi rispetto alla marca del terminale; d) Tre/H3G non è assolutamente proprietaria o comunque beneficiaria di licenze privilegiate su queste tecnologie; e) la procedura di sblocco verso le Usim di altri gestori è prevista dai produttori dei terminali visto che si tratta di inserire un codice, tra l'altro reperibilissimo su internet. Quindi una denuncia di parte da parte di H3G, non vedo cosa avrebbe a che fare con lo sblocco di un terminale, visto che questa non è produttrice di terminali telefonici, ma bensì figura come rivenditore, e tra l'altro non puo' vantare nessun diritto di licenza sulle tecnologie utilizzate per il funzionamento di questi.
Aggiungo inoltre che utilizzare un terminale sbloccato, o sbloccarlo, non impedisce in nessuna maniera l'accesso, lo sfruttamento e il corretto funzionamento della rete Tre e dei servizi da questa forniti.
L'unica cosa di cui è passibile chi sblocca un terminale è la decadenza della garanzia, visto che questa operazione non è espressamente autorizzata sia dal gestore che dal produttore.
Inoltre anche la documentazione per l'attivazione della Usim, che deve essere firmata da chi ha acquistato la prepagata, non riporta nulla di specifico in merito alle limitazioni dei terminali marchiati Tre e sulle eventuali sanzioni in caso d'infrazione.
Insomma le persone fermate dalla Polizia, magari si vedranno incriminate per evasione fiscale, ma sulla ipotetica violazione di diritti d'autore direi proprio di no!!

Un saluto.




----------
A.P.


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
13.01.2005 - 17:10
A me sembra una scemata TOTALE. Il cellulare, se non è in comodato (ribadisco: SE NON E' IN COMODATO D'USO) E' MIO, *MIO*, e quindi posso farci ciò che voglio, buttarlo per terra, pisciarci sopra, regalarlo o farlo in pezzettini. Oppure sbloccarlo.
E' un oggetto MIO. Quello che non è mio è la SIM (di proprietà di Tre), ma chi sblocca il telefono non tocca la SIM: sblocca un apparato DI SUA PROPRIETA'.
Ma stiamo scherzando? Chi ha sporto questa denuncia verrà messo in ginocchio e costretto a pagare i danni a queste persone.


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
13.01.2005 - 23:45
"Ma stiamo scherzando? Chi ha sporto questa denuncia verrà messo in ginocchio e costretto a pagare i danni a queste persone."
Su che base lo dici?




----------
293 - 10° '97


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 12:48
Sulla base che, se Tre o qualsiasi altra azienda mi denunciasse perché ho modificato un apparato DI MIA PROPRIETA' (ribadisco: DI MIA PROPRIETA') adducendo qualsiasi motivazione, io farei subito una querela e la vincerei senza ombra di dubbio, e mi farei pagare il tempo perso, i danni morali, i danni materiali, e tutto il possibile.
Supponi che io ti venda un'auto. Tu modifichi l'auto cambiando dei pezzi. Io lo vengo a sapere e ti denuncio. Non ti sembra che la mia denuncia sia quanto di più ridicolo esista e che tu possa querelarmi perché io ti ho accusato di aver commesso un reato che in realtà non hai commesso?


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 13:29
E pensare che vodafogn oltre a sbloccarti il cell.. ti regalano 200euro di traffico.
Vi sembra concorrenza leale questa???? A me non proprio...


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 13:52
Mah... ho letto l'articolo e m'ha lasciato perplesso... ma questo "sbloccatori" dovevano proprio operare in un'auto parcheggiata sotto gli occhi di tutti? Sembra una scena di 1film di Tognazzi...

Cmq. A parer mio e di amici avv., il privato che sblocca il cellulare di sua proprietà "da solo" rischia in concreto solo:
a) la decadenza della garanzia
b) al massimo, la sospensione del servizio da parte di "3" per violazione della norma contrattuale 'Il Videofonino può essere usato solo con la sua USIM abbinata'.
Altre passibilità sono solo pure speculazioni o ipotesi e non vi è alcun precedente giudiziario a riguardo (che io sappia).

Diverso è il discorso di un centro assistenza che è autorizzato da una marca di telefonini o da un operatore e non si attiene alle disposizioni della casa madre.
Cmq queste diatribe legali sono buone solo ad ingrassare avvocati. Credo che "3" punti a dissuadere la gente solo "spaventandola" con la minaccia di un'azione legale, che anche chi ha ragione non sa mai bene come va a finire.


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 14:00
Andytel: il tuo messaggio è da applausi.Altro che pacchia finita!!!


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 15:29
Ah ah ah ah....la 3 mi fa davvero ridere, ha ragione Seagull...se una cosa è mia, ci faccio quello che voglio (a meno che sia in comodato d'uso...li allora il discorso è diverso).


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 15:59
Tanto mi sà che TRE farà a breve la fine di Blu.


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 18:07
Ma qual Polizia, ma a finit a dicere e cos ca nun so o' ver? MA CHEST SO COS E PAZZ, Rhodium, con te sono d'accordo al 5000x5000.


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 18:17
Scusate, dimenticavo una cosa basilare. 1) non ho mai firmato un contratto con la h3g, dove mi sarei impegnato a tenere la usim un anno. Anche perchè, ho comprato un tre con una usim, e successivamente ho fatto la portabilità del nr e sono passato con la tre. Quindi ho consumato e buttato via la scheda che ho comprato con il telefonino, e poi ci ho messo quella della portabilità. Naturalmente se nn mi trovo bene, ma sopratutto se nn riesco poi a vendere il Z1010 cosi com'è lo butto immediatamente. A questo punto che cosa succede? La tre mi fa pagare i danni perchè ho buttatto il telefono? ma sopratutto perchè nn avrei rispettato il fantomatico contratto di un'anno? Grazie per l'attenzione.


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
14.01.2005 - 23:53
Ma una volta gli apparecchi telefonici non avevano le omologazioni del ministero delle comunicazioni?
Se è così, prendiamo un'auto omologata, non possiamo variare neppure le dimensioni dei pneumatici, eppure è mia, l'ho pagata, ma non sono autorizzato a farci quello che voglio!


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
15.01.2005 - 00:07
ARTICOLO 17 - Responsabilità del Cliente
17.1 – Il Cliente si assume ogni eventuale onere o responsabilità derivante, dipendente, connessa o consequenziale all'utilizzo
dei Servizi da parte del Cliente o di terzi – autorizzati o no dal Cliente stesso – ed a quest’ultimo imputabile in virtù dei Codici
PIN, PUK, delle eventuali Password e degli archivi elettronici di cui al precedente art. 11.
17.2 – Il Cliente si impegna, inoltre, a manlevare e tenere indenne “3” da ogni eventuale pretesa, azione, responsabilità, danno,
costo, spesa o pregiudizio che dovesse essere fatto valere, nei confronti della stessa “3”, da parte di terzi e che sia derivante,
dipendente, connesso o consequenziale all'utilizzo dei Servizi da parte del Cliente o di terzi – autorizzati o no dal Cliente stesso
– ed a quest’ultimo imputabile in conformità alle previsioni di cui al precedente comma, ovvero al mancato rispetto, da parte
del Cliente, di quanto previsto all’art. 12.11.
17.3 – In caso di furto, appropriazione indebita, smarrimento dei Codici Personali, della Carta USIM, il Cliente dovrà immediatamente
comunicare tali evenienze, per telefono, fax o posta elettronica, al Servizio Assistenza di “3”, indicando i propri dati identificativi,
e, se possibile, cambiare la propria Password ed inviare allo stesso, mediante lettera raccomandata a.r., entro 7 (sette) giorni
dal furto, copia della relativa denuncia alle competenti autorità; in tal caso, fermi restando (i) la responsabilità del Cliente ai
sensi del precedente comma 17.1, per il periodo antecedente la predetta comunicazione, (ii) l’obbligo di manleva di cui al
precedente art. 17.2, con riferimento anche al periodo successivo e (iii) i diritti di “3” di cui alle successive previsioni delle
Condizioni Generali di Contratto: (a) non saranno dovuti a “3” i corrispettivi relativi alla fruizione dei Servizi successiva alla
ricezione della richiamata comunicazione; (b) “3” avrà la facoltà di sospendere immediatamente i Servizi; (c) il Cliente potrà
richiedere una nuova Carta USIM, in sostituzione di quella precedente, mantenendo lo stesso numero telefonico. “3” si riserva
il diritto di addebitare al Cliente il solo costo sostenuto per la pratica di sostituzione della Carta USIM preventivamente comunicato
da “3”.
17.4 - Il Cliente dovrà comunicare per iscritto a “3” ogni cambiamento dei propri dati identificativi e, in particolare, dei dati
relativi alla denominazione sociale, alla sede legale e/o altra sede e ai propri rappresentanti legali. Tutte le comunicazioni inviate
da “3” all’ultimo domicilio reso noto dal Cliente si reputeranno da questi conosciute.
17.5 - E’ vietata qualsiasi manomissione o alterazione della Carta USIM e del Terminale al fine dell’utilizzo degli stessi per scopi
fraudolenti o contrari alle disposizioni delle Condizioni Generali di Contratto ed eventuali regolamenti di servizio . Salvo quanto
previsto all’art. 17.3, il Cliente sarà tenuto al pagamento dei relativi costi secondo il Piano Tariffario e le specifiche modalità di
fornitura del servizio prescelte. Il Cliente ha comunque l’obbligo di non utilizzare o far utilizzare da terzi il Servizio a fini e/o con
modalità illeciti.


tratta dal regole di contratto di luglio 2004 vedete un po voi se non andate contro la legge uomo avvisato mezzo salvato!!


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
15.01.2005 - 00:35
... ue, io il videofonino l'ho preso in giugno... la sim a luglio ma non mi hanno fatto firmare contratti (solo il foglio coi miei dati)...
a parte che riguardante allo sblocco non ho visto nulla (pero' sono stanco ed ho letto di fretta)


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
15.01.2005 - 00:36
IL LOCK

Un cellulare a 10 euro? Non è un sogno ma una delle tante offerte che gli operatori mobili di mezza Europa propongono ai propri clienti da anni. Chiunque sia stato nel Regno Unito, in Olanda o - per restare vicini- in Francia ha sicuramente notato offerte incredibili per chi è abituato a pagare in Italia qualche centinaio di euro per un cellulare nuovo.

Perchè un cellulare venduto a 500 euro si può trovare a 100 euro? La spiegazione è semplice: l'operatore supporta parte del costo di quel cellulare, in cambio chiede al cliente di legarsi per un periodo di tempo più o meno lungo (solitamente 12 mesi) e di utilizzare il telefonino solo con le proprie sim (operator lock) o addirittura solo con una sola sim (sim lock). In altre parole, l'operatore fa sottoscrivere al cliente un contratto annuale - a volte con un canone mensile che comprende un certo numero chiamate e SMS - e in cambio gli offre il cellulare con un forte sconto.

Per impedire che il cellulare sia usato con altri gestori, l'operatore utilizza un blocco (il "lock" appunto) che può essere attuato agendo sul software del cellulare o direttamente in rete. Nel primo caso, il cellulare verifica ad ogni accensione che la sim inserita sia quella "autorizzata": nel caso non lo sia, l'utente deve digitare il codice di sblocco (unlock code) che permetterà l'utilizzo del telefonino con qualsiasi sim. Si utilizza il blocco software quando si ha un cellulare sim locked. La seconda tecnica per il blocco si basa sul controllo contemporaneo di seriale della sim e IMEI del cellulare: ad ogni accensione, il telefonino trasmette alla rete i due numeri e il gestore controlla che l'accoppiata sim-cellulare sia tra quelle autorizzate. Questa tecnica è utilizzata per l'operator lock, cioè quando non si conosce a priori il seriale della sim autorizzata.

Se da un lato c'è chi blocca i cellulari, dall'altra parte della barricata c'è chi cerca in tutti i modi di aggirare il blocco: l'unlocking è ormai pratica nota all'estero e si sta rapidamente diffondendo anche in Italia. Guardie e ladri, ma chi ci guadagna?

TRE IN ITALIA

Con l'arrivo sul mercato di 3, la prima società ad aver lanciato l'UMTS in Italia, i cellulari "scontati ma bloccati" sono infatti diventati comuni anche in Italia. Il boom di clienti dell'operatore è dovuto, oltre che a tariffe interessanti, all'offerta che permette di avere cellulari UMTS a 99 o 199 euro, contro i 600 euro dei telefonini 3G offerti dalla concorrenza. Per 99 euro si ottiene un cellulare sim locked, ovvero da utilizzare solo con la sim contenuta nella confezione di vendita. A 199 euro, si compra un videofonino operator locked, che si può utilizzare con qualsiasi sim 3. Chi vuole avere la possibilità di scegliere che sim inserire nel telefono può comprare a prezzo pieno il cellulare, spendendo più del doppio. Addirittura, esiste un'offerta che offre il cellulare a soli 19 euro, in cambio è necessario spendere per almeno un anno 30 euro di traffico ogni mese e abbandonare il vecchio operatore.

Si spiega così la diffusione di annunci ed offerte che promettono di "sbloccare i cellulari 3" per una cifra che varia dai 10 ai 20 euro. Il meccanismo è collaudato, perchè è lo stesso che viene fraudolentemente applicato sui software per personal computer: Si aggira il blocco trovando il codice di sblocco, omologo della password richiesta per installare un software sul computer di casa. La procedura varia da cellulare a cellulare: Motorola e LG sono sbloccabili più facilmente rispetto ai NEC.

All'inizio la strada tentata da chi cercava di sbloccare il cellulare 3 appena comprato era quella della forza brutta: migliaia di codici al secondo con programmini - spesso a pagamento - che promettevano miracoli ma davano risultati nulli. Il codice di sblocco da inserire nel cellulare si basa sull'IMEI stesso del cellulare ma senza sapere l'algoritmo l'impresa è ardua. Nelle ultime settimane, gli "sbloccatori" di professione sono spuntati come funghi: usano un cavo che collega il telefono al computer (lo schema per costruirlo si trova sul Web) e con appositi programmi trovano l'unlock code. E' legale? Contrattualmente no, 3 lo specifica chiaramente nelle condizioni che regolano il comodato d'uso: sbloccare un cellulare invalida il contratto, la garanzia ed espone il cliente 3 a diversi problemi di natura contrattuale. Qualche grana potrebbero averla anche gli "unlocker" di professione, con il gestore che minaccia di passare alle vie legali. Nel contratto di comodato il cellulare rimane infatti di proprietà di 3 e non dell'utente finale, chi ne altera le funzioni a danno del gestore potrebbe essere chiamato in tribunale per risponderne.

SFORZO COLLETTIVO

Lasciando momentaneamente da parte la questione legale, è evidente che l'unlock sia una tecnica che danneggia un po' tutti gli utenti di telefonia mobile. Non l'abbiamo inventato in Italia, ma certamente nel nostro Paese è un fenomeno nuovo: 3 è stata la prima (e per ora l'unica) ad offrire cellulari locked scontati. Se sbloccare il cellulare diventasse pratica comune, è assai probabile che nessuno degli altri operatori offrirebbe cellulari a prezzi stracciati e 3 potrebbe - una volta conquistata una base clienti sufficiente - smettere di fare sconti. Si tornerebbe a pagare il cellulare a prezzo pieno.

Il perchè è evidente: l'operatore si sobbarca una parte del costo del cellulare solo se il cliente promette di legarsi per un certo periodo. I soldi anticipati con la "sovvenzione" del cellulare, l'operatore spera di riprenderseli nei 12 mesi di contratto quando il cliente utilizzerà solo la sim e la rete dell'operatore stesso. Se questa speranza diventa vana (cioè se l'unlock diventa pratica comune), nessun operatore offrirà terminali scontati.

A perderci saranno soprattutto i consumatori italiani che, secondo alcune stime, possono risparmiare grazie al sim lock circa 11 milioni di euro annui sull'acquisto di un cellulare UMTS nuovo di zecca. I prezzi dei cellulari di Tim e Vodafone sono sotto gli occhi di tutti - tra i 500 e i 600 euro - e sembra banale affermare che non si può avere l'uovo (il cellulare a poco prezzo) e la gallina (la possibilità di usarlo con tutti gli operatori), o meglio tecnicamente si può ma nel medio-lungo periodo è un atteggiamento che danneggia tutti, anche chi sblocca oggi un cellulare 3 pensando di guadagnarci. Chi conosce le teorie del famoso economista e matematico Nash saprà certamente che il vantaggio individuale non corrisponde quasi mai al vantaggio della collettività.

E' certamente impopolare sostenere su queste pagine che i cellulari 3 non vanno sbloccati, ma per chi ha sempre difeso la categoria dei consumatori è difficile assistere in silenzio ad una pratica che danneggia tutti. Oggi è possibile avere sei cellulari UMTS bloccati al prezzo di un cellulare UMTS sbloccato. Perchè le offerte di cellulari locked si diffondano tra tutti i gestori è necessario che il lock non sia rimosso e diventi un vantaggio per cliente e gestore, non solo per il cliente.

Con la diffusione delle offerte di cellulari bloccati, potremmo cambiare il cellulare una volta ogni due mesi anzichè ogni anno, spendendo la stessa cifra. Se preferite, si potranno avere quattro cellulari UMTS bloccati (uno per ogni gestore, magari modelli diversi) spendendo poco più della metà rispetto al costo di acquisto di un solo cellulare UMTS sbloccato. Per una volta, sono i consumatori a poter influenzare davvero le scelte dei gestori senza doverle subire: serve uno sforzo collettivo, accantonando la ricerca del guadagno personale.

tratto da altro forum piu chiaro di cosi


Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
15.01.2005 - 09:02
Dodo74, velocemento ho letto con attenzione quello che hai scritto e dovrebbe essere tutto regolare anzi preciso, non ci sono ne trucchi e ne imbrogli. Cioè è tutto chiaro. Ma vi è un problema e credo che nn sia discutibile. 1) regolarmento e tramite un rivenditore ho comprato alcuni telefonini tre. Tutti erano nella loro confezione e ogni confenzione conteneva "soltanto" il telefono il caricabatteria cavo usb cd inst e basta. Ripeto, sia all'interno della confezione e sia all'esterno non vi è nessun contratto. 2) Il rivenditore mi ha chiesto i relativi documenti e nn mi ha dato nessun contratto da firmare. Ma ora mi viene un dubbio: Ma nn è che magari lo firma quello che si abbona al gestore? io nn sono abbonato ho una prepagata. No, perchè magari quello che chiede l'abbonamento essendo una cosa diversa sarà obbligato a rispettare il contratto. CMQ, Sig. Giudici, Sig. Avv.to, voi che sicuramente siette tra noi su questo forum,, emettete un vostro giudizio e fateci capire se sbagliamo o no. Anche perchè tutti diciamo la nostra ma credo che nessuno è un giudice. Ma una cosa è certa Sig. Giudici, in effetti TUTTI qui rispettiamo la legge. Anche se io per primo ci credo poco alle leggi italiane.


d3
Re: Udine polizia arresta banda di sbloccatori
15.01.2005 - 09:35
Ma perchè parlate di leggi e non di accordi ? Insomma mi accordo con Seagull : io ti
vendo un prodotto che mi costa 100 a 10 per farti provare i miei (discutibili o buoni)
servizi per x mesi,voi mi dovete dire per quale motivo Seagull può sicuramente pi...
(quale eleganza!! ) sopra ma mi sembra francamente venir meno ad un patto nei miei confronti in quanto io gli avevo detto prima le mie condizioni.E poi vi faccio una domanda,ma se ci fosse effettivamente una legge che lo impedisse (ammesso che non ci sia) voi l'avreste comprato il cell.? O mi volete far credere che siete poveri polletti caduti in una trappola ?


Spiacente, solo gli utenti registrati possono intervenire. Cosa aspetti a registrarti?

Clicca qui per collegarti


Pubblicita'


Pubblicita'





CellularItalia 1999-2020 - P.IVA 01168620993 - Tutti i diritti riservati