www.cellularitalia.com
 
         F O R U M    Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 
Ciao! Log in Crea un nuovo profilo

Avanzata

Effetto pubblicitario della blu

Inviato da Volpanda 
Effetto pubblicitario della blu
19.01.2003 - 00:51
Vorrei avere un vostro parere sull'efficacia o meno della pubblicità della blu (mi riferisco al primo anno in cui blu è nata).

Propongo questa osservazione perchè a mio parere le pubblicità della blu, sono state un pò la causa della sua caduta.

Ora ammetto che gli spot potevano essere anche piacevoli e innovativi, ma non credo che avessero una grande efficacia sul potenziale utente.

Credo che se blu avesse scelto una campagna come quella dei primi mesi della wind che manifestava esplicitamente servizi, tariffe e costi, la blu ora sarebbe ancora il quarto gestore.

Credo che gli spot non debbano colpire solo per l'originalità. Soprattutto nel caso della telefonia, penso che debbano colpire il potenziale utente illustrando anche in modo minimale almeno uno straccio di tariffa o simile.

Nelle nuove pubblicità della 3, trovo delle inquietanti analogie con gli spot blu.

Voi che ne pensate?





_________ ________________

"Uno ne piglia e del capo lo scema"
Ludovico Ariosto

_________ ________________


Re: Effetto pubblicitario della blu
19.01.2003 - 11:54
Le pubblicità della Blu erano azzeccatissime, come vedi, non hai capito che blu non cercava i clienti bassospendenti, ma quelli a cui non interessava sapere quanto spendeva, a cui piaceva essere coccolati ed avere un servizio serio ed innovativo.

Tre sta facendo lo stesso.... azzeccatissima anche la sua campagna pubblicitaria...


Re: Effetto pubblicitario della blu
19.01.2003 - 19:01
Il problema di blu non era la pubblicità ma il costo proibitivo dello scatto alla risposta: 300 lire! sicuramente per usufruire del collegamento con le altre 3 reti già esistemti


Re: Effetto pubblicitario della blu
20.01.2003 - 16:34
ma perché vi ostinate a trovare una scusa che funzioni per la chiusura di blu.
lo sanno tutti qual'è il vero motivo: estate 2001, benetton, azionista di maggiornaza di blu attraverso le controllate edizioni holding partecipa all'opa su telecom con Pirelli. Ok, condizionato dell'antitrust: va bene Luciano, ma entro un anno devi uscire da una delle due compagnie telefoniche. Secondo voi da quale gli conveniva uscire? Secondo voi come gli conveniva uscire? Come è stato: pensate veramente che fior fior di professionisti, strapagati, prendano delle decisioni a loro non convenienti?
Ecco come blu ha chiuso. Tra l'altro, con la restituzione delle frequenze gsm di blu e la conseguente riassegnazione tra i competitors di 5megahertz a testa si sono anche un po' risolti problemi di sovraffolamento delle linee tim. Senza considerare un competitors in meno (blu) che sarebbe potuto andare a finire in mani pericolose(dal punto di vista commerciale). Insomma su questa vicenda è stato già detto molto e di più da più fonti che puoi trovare (penso) anche negli archivi di questo sito.

Ora dimmi volpanda: sei sicuro che la colpa sia della pubblictà?


Re: Effetto pubblicitario della blu
20.01.2003 - 21:27
Aleale ha scritto:

>Ora dimmi volpanda: sei sicuro che la colpa sia della pubblictà?

Dando per buono quello che tu hai riportato, mi viene da pensare che, se la Blu avesse raggiunto un grosso numero di clienti, Benetton non avrebbe partecipato all'opa su Telecom.

Insomma Luciano Benetton, visti i non soddisfacenti risultati (e soprattutto viste le non rosee prospettive della Blu) ha ripiegato su un altro investimento.

Comunque a prescindere da tutto ciò, bisogna ammettere oggettivamente che gli spot Blu hanno influito negativamente sulla diffusione di questo gestore.

Così la vedo. :)









--------------------


Re: Effetto pubblicitario della blu
21.01.2003 - 09:53
caro volpanda, mi piace questa discussione pacifica.

vedi, quello che io ho riportato è di pubblico dominio, ti basta cercare qualche articolo sulla vicenda blu per riscontrare quello che ho scritto.
Ma non era tutto: devi sapere che i business plan di blu prevedeva per il primo anno 350.000 clienti, mentre ne sono stat raggiunti 900.000 più o meno come wind il primo anno. continuo a ripeterti che il problema non è stata la pubblicità. blu si proponeva di essere il 1° gestore umts e non il 4° gsm. ma quando si è arrivati alla gara per l'assegnazione delle frequenze è successo il patatrac. Nessuno infatti aveva previsto quei costi esorbitanti (cifre da capogiro in germania, etc etc) e quindi insanabili contasti tra gli azionisti (british telecom in primo luogo che si è svenata per comprare licenze umts qui e la in europa) hanno fatto si che blu si ritirasse dall'asta. a quel punto, forse, iniziava la morte di blu, in un mercato gsm bello che saturo. Anche se, in olanda per esempio ci sono 5 gestori per 15 ilioni di abitanti. purtroppo noi siamo in italia e la posizione dominante di tim non permette questa pluralità. L'unica vera opportunità di crescita era rappresentata della number portability. Ma la volontà dei più grandi è stata quella di affossare blu e con blu l'eco che avrebbero prodotto le sue pubblictà sulla number portability. tu hai percaso visto qualche grande campagna pubblictaria su questao tema. Solo Wind. tra l'altro con una pubblicità molto debbole da non essere percepita come grande opportunità dal grande pubblico. Hai percaso visto una pubblicità di omnitel in merito? no, tacito accordo di non farsi guerra e basta. le pubblictà di blu erano tutt'altro che brutte. se ricordi bene , l'anno scorso la pubblicità di blu ha vito il gran gala della pubblictà votato dalla gente a casa. In italia, l'immagine di blu come marca, da ricerche, era a livelli di colossi come nike, barilla etc.

ora parliamo della pubblicità di wind. la pubblictà di wind non esiste: è slo un prezzo, un offerta vantaggiosa. e se domani, tim volesse, le basterbbe fare dei prezzi ancora più bassi per portarsi via una gran fetta di clienti. i bluisti, sono ancora bluisti, nonostante blu non esista più. questa è una marca, questo grazie alla pubblictà.


Re: Effetto pubblicitario della blu
21.01.2003 - 22:20
ciao aleale, anche a me fa piacere discutere in modo pacifico.

Prima di iniziare la mia breve replica volevo fare una precisazione: quando scrissi "Dando per buono quello che tu hai riportato..." anche se è sembrato diversamente, non intendevo mettere in dubbio la notizia da te riportata sull'opa di Benetton.
Piuttosto intendevo dire "Prendendo spunto da ciò che hai detto"; quindi non stavo confutando la veridicità della notizia. Ok?

Ecco la replica:

i 900.000 clienti raggiunti da Blu dovresti sapere che non erano tutti dei clienti effettivi e reali, buona parte (ma davvero buona) erano clienti che avevano in possesso più schede. (conoscevo alcune persone che ne avevano 5 ciascuno)


900.000 è un numero molto fittizio, in quanto in quel periodo la blu distribuiva qua e la schede a scopo promozionale.
Moltissime persone si sono trovate con in mano numerose schede Blu, e quindi c'è stato un effetto moltiplicativo fasullo.
E credo di non esagerare dicendo che a fronte di 900.000 schede potevano esserci all'incirca non più di 250.000 clienti reali (e credo di non esagerare).



> in un mercato gsm bello che saturo. Anche se, in olanda per esempio ci sono 5 >gestori per 15 ilioni di abitanti. purtroppo noi siamo in italia e la posizione >dominante di tim non permette questa pluralità

Non sono affatto d'accordo sul fatto che in Italia il mercato sia saturo, citi un esempio (l'olanda) che smentisce la tua affermazione. E non credo che la TIM crei tutti questi ostacoli con la sua dominanza (che francamente c'è stata in passato ma non la vedo ora).



>le pubblictà di blu erano tutt'altro che brutte

Non ho detto che fossero brutte, anzi a me piacevano, ho detto che non erano efficaci...



> i bluisti, sono ancora bluisti, nonostante blu non esista più. questa è una marca, >questo grazie alla pubblictà.


Anche io sono un bluista, non passerò a wind.

Saluti :)


Re: Effetto pubblicitario della blu
22.01.2003 - 10:04

i clienti blu erano 1.900.000, reali, cioè attivi o consumanti, 700.000 circa.
Quello che hai detto è vero, milioni di schede sono state vendute con promozioni e dopo l'acquisto sono state messe nel cassetto: le cosidette sim dormienti.

Ma se per blu il rapporto clienti/ clienti veri era di 700.000 su 1.900.000 su wind quanto è? Wind più di tutti ha "promozionato" dei pacchetti "gowind' telefono più sim a dei prezzi stracciati. milioni di persone ne hanno approfittato per comprare il telefono, usare la scheda per chiamare e una volta finito il credito, buonanotte sim.

allora mi domando, siamo sicuri che la tecnica della scontistica 2x3 funzioni?

Per non parlare di altro: il primo anno di comunicazione della wind è stato incentrato su questre tre cose: senza scatto alla risposta, solo tariffe al secondo, iva inclusa.

oggi hanno lo scatto alla risposta, le tariffe sono la minuto (e questo poteva essere prevedibile visto l'euro) e l'iva è da aggiungere.

insomma, non mi sembra ottimale per che faceva della trasparenza il cavallo di battaglia (te lo ricoirdi lo spot di greggio che parlava di trasparenza....)


E aggiungo: tutti sanno che il traffico voce non genera più guadagno e il guadagno vero è nei costi di riacarica e nello scatto o nei servizi.

bèh, wind non ha costi di ricarica, e non ha puntato sui suoi servizi. quest'anno hanno dovuto ricapitalizzare perché le perdite superavano la metà del capitale.

vive perché c'è enel dietro che può, anzi, deve essere in perdita da qualce parte.
e le dichiarazioni dei nuovi boss sono che la telefonia non è più un asset strategico per enel. questo vuol dire che presto venderanno ma per vendere devono essere un'azienda sana e per essere un'azienda sana devono cambiare rotta e abbandonare il 3x2. ti faccio un esempio: il valore del marchio coca cola non varia in base al numero delle bottigliette vendute, ma rispetto alla posizione della marca nella classifica mondiale: coca cola è la prima marca al mondo.


ciao volpanda


Re: Effetto pubblicitario della blu
22.01.2003 - 15:37
Mi permetto di correggere volpanda, senza peraltro voler difendere Wind (che abbandonerò ASAP)

> oggi hanno lo scatto alla risposta, le tariffe sono la minuto
> (e questo poteva essere prevedibile visto l'euro) e l'iva è da aggiungere.

Le tariffe di Wind sono tutt'ora tariffate al secondo; ma per chiarezza e semplicità (e sono d'accordo su questo) sono riportate per minuto.

Vorrei poi aggiungere dei miei commenti sulla faccenda. Sono d'accordissimo sul fatto che BLU è stata affossata perché faceva comodo a molti, a partire dai Benetton fino a passare agli altri 3 gestori, affamati chi di frequenze, chi di siti, chi di clienti freschi. Ma sono anche d'accordo che lo scattone da 300 lire abbia fermato molti (me in prima istanza). E difatti quando è uscita la Playtime, e conseguentemente scomparivano le tariffe simile dagli altri gestori, io e altre persone che conosco hanno cominciato a prendere in considerazione Blu. Che poi oggettivamente offriva un servizio più di qualità rispetto ad altri (e penso a Memory, al Customer Care, agli SMS tariffati solo se arrivavano a destinazione, etc etc).

Per quanto riguarda invece il 3G, bhé penso che quella faccenda potesse essere una fortuna. Si poteva infatti spingere sull'EDGE piuttosto che sul WIFI senza peraltro aver grossi problemi tecnologici/burocratici. Ma anzi a medio termine queste due tecnologie potrebbero anche affossare il 3G, sia per i costi inferiori che per migliori performance.

Salvio


Spiacente, non sei abilitato ad inviare messaggi o risposte in questo forum.

Pubblicita'


Pubblicita'





CellularItalia 1999-2020 - P.IVA 01168620993 - Tutti i diritti riservati