www.cellularitalia.com
 
         F O R U M    Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 
Ciao! Log in Crea un nuovo profilo

Avanzata

E adesso parliamo di fotografia !

Inviato da FABRIZIO 
E adesso parliamo di fotografia !
17.06.2004 - 14:24
Appunto, parliamone !
Chi vuol cominciare ?
Provo a dare il via io :

Per esempio, a me piacciono molto le pose notturne con scie luminose, oppure sul mare, oppure sulla volta celeste !

Uso solo pellicola 100 ASA (o 64) preferibilmente Kodak ma trovo buona anche fuji (un pò verdastra), evito 3M (non mi piace) ma non disdegno Agfa (un pò calda).
Tutte le altre mi fanno schifo !!!
Ho nostalgia della vecchia Ektacrome High speed 160 che era una cosa eccezionale.

E voi ? cosa usate ?




----------
FABRIZIO


CA
Re: E adesso parliamo di fotografia !
17.06.2004 - 14:28
Ma io usavo le Kodachrome..., la prima pellicola per diapositive.
Ma sono ancora in commercio?


Re: E adesso parliamo di fotografia !
17.06.2004 - 20:29
...nessuno sa del Cibacrome. Mi ricordo il rullo che trascinavo per tutta la casa.
Che tempi. Il mio Durst lo conservo ancora. Ne ha stampate di foto di Rally.
La mia prima macchina con cui ho corso. La Lancia Stratos...aveva il motore del Dino Ferrari.
Ho la casa piena di foto da positivi, della mia auto, che emetteva in rilascio delle fiammate allo scarico che rompevano le tenebre della notte...
Foto di un epoca che non esiste più...così come i carburatori.
Niente analizzatori di CO o HC. Li allineavo con un giravite...ad orecchio..e tutti i sei cilindri giravano come un orologio.




Re: E adesso parliamo di fotografia !
18.06.2004 - 14:04
Cibacrome ! E come no !
Vuoi che non mi ricordi di come si stampavano le Dia più belle o che si volevano mettere in quadro ?
Solo che era un pò costoso, e poi ho sempre trovato il risultato non completamente appagante (io sono sempre stato molto noioso sulla resa cromatica e sulla grana).

Certo che il Cibacrome ha comunque segnato un'epoca (ma lo fanno ancora ?)
Comunque é un problema che mi sono posto poche volte perché le mie (poche) stampe, erano appunto "pochissime" ma rigorosamente B/N !

Non ho mai stampato a colori e non mi sono neppure mai attrezzato per farlo.
Troppe difficoltà coi bagni e con le temperature, non solo quelle centigrade, ma sopratutto le "temperature" del colore.

In pochi anni (dal 73 al 83) ho ammucchiato circa 8-9000 dia (non le ho mai contate esattamente) al ritmo di poco meno di 1000 all'anno con picchi di 300-400 anche in solo 8 giorni (vedi vacanza in Grecia ed altre simili).
Per me la proiezione della Dia é qualcosa che va preparato, con suspence, un pò di musica, un buon proiettore (meglio 2, in dissolvenza) qualche salatino, e amici, pochi, fedeli ma appassionati, insomma che non si addormentino appena fate buio !!!

Purtroppo, nel 83 mi sono fatto traviare dai primissimi Betamax, e poi dai VHS, e poi ancora dagli HI-8 e ho fatto depositare un pò troppa polvere sulle mie fedeli Nikon !

Ho tradito la celluloide per il volgare nastro magnetico !

Comunque qiando apro uno scatolino (quei begli scatolini arancioni) di Dia e le proietto, vedo ancora gli stessi colori e rivivo le stesse emozioni di 20 o 30 anni fa, quando (avevendone 30 di meno) scattavo le prime foto alla "morosa" che poi sarebbe divenuta mia moglie.

Per la serie ...... come eravamo ...... !!!!

PS: per l'amico che usava il Kodacrome, credo che lo facciano ancora ma solo in versione professional in quanto a differenza dell'Ektacrome che poteva essere sviluppata (anzi, invertita) da chiunque al pari di tutte le altre con i soliti bagni (E4 o E6 mi sembra), il Kodacrome, per via dei "copulanti" necessitava di sviluppo (pardon, inversione) rigorosamente in casa KodaK in quanto la ricetta del bagno era "segreta".

La Kodacrome ha sempre avuto colori splendidi, peccato che la casa gialla avesse la mania di risparmiare ritornandovi le Dia in quei bruttissimi telaietti di cartone !
Comunque il Kodacrome esisteva solo in versione 64 ASA e 25 ASA (pazzesco) dove per impressionarla ci voleva la fusione nucleare solare !!!
In compenso la grana era inesistente !!!

Ciao




----------
FABRIZIO


CA
Re: E adesso parliamo di fotografia !
18.06.2004 - 17:34
La Kodacrome finché era trattata a Milano (trattamento K14 se ricordo bene, una quarantina di bagni, esclusivo di kodak) aveva tempi del tutto paragonabili ai trattamenti E6, con il vantaggio che si risprmiava qualcosa fra pellicola e trattamento. Poi quando hanno chiuso i laboratori di Milano e doveva andare all'estero i tempi sono diventati inaccettabili.
Mi ricordo dei telaietti di cartone (comunque abbastanza robusti, che però un giorno diventarono di plastica e sempre sottili). Mi ricordo anche che alla fine uscì la versione da 200 ASA.

La carta Cibacrome, per stampare le dia, penso che ad un certo momento cambiò nome in Ilfocrome.


Re: E adesso parliamo di fotografia !
18.06.2004 - 20:55
...E l'Fp4 ...la Pan F mamma mia.
Ricordo quando caricavo la sviluppatrice . Avevo una paura tremenda che prendesse luce. Aprire la camera era un rito. Mi mettevo una coperta in testa e mi infilavo nel bagno. Bestemmiavo maledettamente perchè la tapparella non chiudeva mai bene ! Ricordo che conservavo la "codina" per verificare i tempi.
Il termometro poi era conservato religiosamente. Era di assoluta precisione. Pignolo come sono se la temperatura non era esatta, mi facevo venire i "capelli bianchi"

Quando si versava il fissaggio già tremavo dalla paure di aver sbagliato tutto. Quando poi si apriva la sviluppatrice ed il negativo era della giusta densità mi sembrava di aver toccato il cielo con un dito.

Che tristezza. Oggi non ho più neanche il tempo di guardarle quelle cose. La vita mi ha portato molto lontano da quelle senzazioni. Vorrei tanto ritornare ad essere io il gestore del mio tempo.


Re: E adesso parliamo di fotografia !
22.06.2004 - 14:06
Mi sono ricordato che in frigorifero ho ancora un rullo 135 - 36 pose di FP4 !!!
saranno 15 anni che é li, sarà ancora buona ?
Mah ?




----------
FABRIZIO


Re: E adesso parliamo di fotografia !
22.07.2004 - 10:33
Che bello leggere gli interventi di amici che non hanno in testa solo il digitale! Io ho una gloriosa Canon meccanica con alcuni obiettivi FD, tipo vecchio con innesto a collare di serraggio (non so se li ricordate). Ho preso una compatta digitale per sostituire la vecchia compatta a pellicola (una Olympus XA, il famoso "ovetto";) recentemente morta dopo anni di glorioso servizio. Beh, nulla da dire, va abbastanza bene, inoltre non ho lo scrupolo di sprecare pellicola fotografando a raffica. Però quando devo "fare sul serio"... Ho fatto un mini servizio fotografico alle gemelline di un anno di una coppia di miei amici, con la Canon e l'obiettivo 50 mm. f. 1,4. Quando hanno visto le foto i genitori, di quelli che usano una dgt considerando cavernicoli quelli come me, sono rimasti senza parole per il risultato. Hanno fatto un paio d'ingrandimenti (provate a fare un 50 per 70 con un "file";) per i nonni ed hanno bofonchiato qualcosa tipo: "accidenti che nitidezza".
Per quanto riguarda il Kodachrome, che pellicola da sogno. Io ho dia del 1979 che paiono appena ritirate dal fotografo, mentre alcuni (non tutti, però) Ektachrome 64 e 100 hanno sviluppato una tremenda dominante magenta. Ciao e viva la fotografia!




----------
Aloha


Re: E adesso parliamo di fotografia !
22.07.2004 - 19:07
Per Sansobbia:

io le mie dia le conservo chiuse al buio nei loro scatolini originali, e non le metto come fanno molti, nei caricatori pronti all'uso.
Il motivo é che così prendono meno luce, meno polvere, occupano meno spazio e conservano meglio i colori.
Non é che le veda tutti i giorni per cui faccio la fatica di inserirle nei caricatori solo se decido di proiettarle.

Conosco bene le Canon del passato: ho lavorato con la gloriosissima FTB (manual totally) !!!
Ho pure lavorato con la splendida ed avanzatissima (per l'epoca) A1 che sembrava una nave spaziale per l'epoca.
Se ti interessa, possiedo (perché l'avevo vinto ad un concorso), ma non l'ho mai usato (infatti io ho tutte Nikon) un bellissimo Soligor 135mm 2,8 attacco a collare come dici tu e completo di custodia in pelle.

E' nuovo e se tu abitassi vicino a me (Piacenza) mi piacerebbe fartelo vedere e, se ti interessasse, vendentelo (é proprio nuovo anche se ha quasi 30 anni !)
Ciao !

Fabrizio




----------
FABRIZIO


Re: E adesso parliamo di fotografia !
23.07.2004 - 12:29
Ciao Fabrizio, anche io conservo le dia come te, nonostante ciò alcuni (non tutti) rullini hanno sviluppato la dominante. Credo si tratti di un cattivo sviluppo. La mia attuale reflex è una Canon F-1, con pentaprisma intercambiabile ed otturatore in titanio, in pratica la risposta Canon alla professionale per antonomasia dell'epoca, la Nikon F. Ti ringrazio per l'obiettivo, ma ho già quella focale: ti consiglierei di metterlo in vendita su ebay.it
La mia focale favorita è il grandangolare moderato da 35 mm., che uso come normale, mentre il 50 f. 1,4 lo impiego per i ritratti, alternato al 100 mm. macro Vivitar (l'unico obiettivo non originale che possiedo). Attualmente uso pellicole Fuji, Sensia per quanto riguarda le dia: la Velvia mi ha stufato un po', capisco che con la sua iper-saturazione possa trasformare la spiaggia di Alassio in un atollo tropicale, ma si tratta di un effetto (a mio pare) esagerato. Ciao e grazie.




----------
Aloha


Re: E adesso parliamo di fotografia !
23.07.2004 - 13:37
Ci mancherebbe avere in testa solo il digitale.
Io purtroppo non sono di "primo pelo" ed ho vissuto un po' tutta l'evoluzione di questi anni.
Devo dire che utilizzo tutti e due, senza soluzione di continuità. Ma sicoome il tempo è tiranno, ho avuto parecchie volte esigenza di coniugare entrambe le tecnologie. Per far ciò tempo fa acquistai un Polaroid Palette (mai acquisto fu peggiore) Mi serviva perchè ad i congressi, all'epoca dovevamo proiettare le Dia...ma succede tuttora, anche se i programmi di presentazione ed i Barco, hanno sostituito questo modo di lavorare.
Anche in senso inverso mi sono dovuto attrezzare, con un Nikon Coolpix, per leggere le Dia. Infatti quelle poche volte che faccio perizie (giusto quando il magistrato mi sequestra in caso di catastrofi) "esco" ancora con la mia brava Nikon F. Leggo con il Coolpix e stampo poi con una Tektronix Phaser a sublimazione. Il risultato non è malvagio


Re: E adesso parliamo di fotografia !
23.07.2004 - 15:04
Anch'io non sono più di primo (e neanche di secondo...) pelo, ho 44 anni e fotografo con passione da quando mio padre mi regalò, per la maturità, la mia prima reflex (una Cosina meccanica con innesto a vite!). Da allora ne è passata acqua sotto i ponti, ma neanche nei momenti di peggior depressione (casini familiari, di lavoro, di salute etc.) non ho mai fatto "riposare" la mia attrezzatura. Ho provato l'autofocus ma l'ho lasciato, non perchè sia contrario ma perchè per il mio genere (architettura in primis) la messa a fuoco automatica non serve a nulla, tantomeno l'automatismo. So già da solo che se voglio fermare un cavallo al galoppo devo usare 1/500 od 1/1000 o che se voglio molta profondità di campo devo chiudere il diaframma... me l'ha insegnato l'umile Cosina. Il digitale va benissimo, io uso entrambi i sistemi e trovo possano convivere perfettamente, lo ribadisco. La cosa che mi dà fastidio, da parte dei "digitalisti", è la loro convinzione che tra analogico e digitale debba esservi a tutti i costi una gara, fatta di sfide all'ultimo pixel. Io non voglio privare loro (e neanche il sottoscritto) della Canon Powershot o della Nikon Coolpix, così come voglio continuare a proiettare le mie dia su uno schermo, non su un televisore. Purtroppo temo che la pellicola, pur non scomparendo, diverrà una nicchia, con prezzi fuori mercato. Vedremo, il 35 mm. veniva dato per morto già ai tempi dell'Aps...




----------
Aloha


Re: E adesso parliamo di fotografia !
23.07.2004 - 16:51
Sansobbia ha scritto:

. So già da solo che se voglio> fermare un cavallo al galoppo devo usare 1/500 od 1/1000 o che> se voglio molta profondità di campo devo chiudere il
> diaframma... me l'ha insegnato l'umile Cosina.

Si ...ma se voglio vedere gli zoccoli del cavallo 1/1000 è poco..e se voglio una profondità di campo decente...chiudo chiudo...devo chiedere al Padre Eterno di aumentare la luce...
Quando avevo 16 anni mi misi sulla piazza di Meta di Sorrento di sera e volevo fotografare con la mia Ferrania la chiesa di notte. Mi ero fatto tutti i conti. Non sapevo che l'effetto di non reciprocità mi era sfavorevole :-D

>, così come voglio continuare a proiettare le mie dia su
> uno schermo, non su un televisore. >

Anch'io sono un nostalgico ma dipende da cosa devo fare. Se vado ad un congresso e mi presento con il mio telone, molto probabilmente i colleghi me lo suonano in testa. Le foto quasi sempre vanno integrate in relazioni, presentazioni..il telone delle dia è un po' scomodo.

Io vorrei tanto andare in giro sempre sulla Giulietta Spider con il tetto aperto ed assaporare il rombo in sovralimentazione per inerzia del bialbero Alfa, ma se devo fare 3000 km in autostrada..sicuramente è molto meglio l'Alfa 156 GTA.
La nostalgia è bellissima...ma non quando si lavora




Re: E adesso parliamo di fotografia !
23.07.2004 - 22:33
Caro Gallo Nero,
infatti io non proietto le mie dia a congressi come fai tu, al massimo le mostro agli amici o me le ammiro io quando ho tempo. Io (lo ripeto) non sono un conservatore, non ho nulla contro il digitale nè mi sento in competizione cogli amanti delle nuove tecnologie. Io non sono neanche un nostalgico, sono realista ed esigente: al momento non c'è digitale che regga il confronto col migliore analogico (parlo di analogico serio, non delle usa e getta). In questa epoca di febbrile consumismo è stato deciso dai produttori di elettronica di consumo che, oltre a possedere 2-3 cellulari a testa, dobbiamo a tutti i costi avere una fotocamera digitale. Va bene, l'ho presa e ci gioco volentieri, ma quando smetto di giocare torno alla reflex. L'altro giorno ho visto alcuni dipendenti di una ditta specializzata che sta curando il restauro del settecentesco Scalone Monumentale presso il Municipio di Torino. Stavano effettuando dei minuziosi rilievi fotografici utilizzando una... Hasselblad 6x6, una fotocamera che risale, come progettazione, agli anni '50. Come mai non impiegano una Nikon D70? Via, siamo seri e cerchiamo di non farci lavare il cervello dal consumismo: ben venga la tecnologia per chi è obbligato, come te, ad essere sempre all'avanguardia, io però voglio avere tra le mani una digitale che mi dia un file fotografico in grado di darmi la STESSA qualità di una diapositiva Kodachrome ripresa col mio Canon FD 35 mm. f.2 e proiettata con un buon proiettore su un buon schermo. Quella digitale non c'è ancora, tutto qui, poi un giorno ci sarà ma mi darà dei file da 20-30 megabyte e costerà un occhio della testa per un bel po'. Nel frattempo spero di trovare ancora pellicola... Ciao e stammi bene.


Re: E adesso parliamo di fotografia !
29.08.2004 - 12:15
Ciao ragazzi, mi intrometto per dire la mia molto brevemente. Di professione sono cameraman ed anche in questo settore l'avvento del digitale si è fatto sentire eccome.... Però a mio giudizio personale l'uso che se può fare non costituisce affatto la sostituzione dei vecchi sistemi analogici. Una buona vecchia telecamera betacam sp broadcast non ha nulla da invidiare al beta sx o al meno definito dvcam. La domanda corretta è cosa ci devo fare? Vado in onda o finisco su un dvd o peggio su vhs? Stesso discorso per l'editing. Se devo montare una puntata di Geo&Geo o di Gaia va benissimo montare il girato in digitale, con i suoi tempi di lavorazione e di rendering, ma se devo montare un servizio per il tg i vecchi sistemi analogici e sua maestà Betacam sono l'ideale.... Quindi penso che il digitale abbia solo ampliato le possibilità di scelta, oltre che fornire possibilità di montaggio inimmaginibili fino a qualche tempo fa. A mio modo di vedere comunque, quando sono in ferie le mie foto le faccio ancora su pellicola.... E una bella cena con gli amici per mostrarle non me la lascio scappare.


Re: E adesso parliamo di fotografia !
01.09.2004 - 14:00
Come mi é capitato già di scrivere da qualche parte, a cavallo degli anni 70-80, quando apparvero i primi sistemi di videoregistrazione home con tubi vidicon e saticon, se confrontati con l'umile 8 mm (specie se girato a 24 fot./sec) il confronto era ancora nettamente pro pellicola.
Dicevamo che mai e poi mai il nastro magnetico avrebbe soppiantato la pellicola, ma purtroppo sappiamo tutti com'é andata a finire !
Ora si sta dicendo la stessa cosa per il digitale vs la 35mm, e, purtroppo, temo che la pellicola prima o poi dovrà farsi da parte.
Lo dico con dispiacere e con un groppo alla gola perché io sono innamorato della 35mm ma, ahimé, il progresso é una macchina schiacciasassi che non si ferma !

Godiamoci pure le nostre dia 35mm fin che possiamo perché, purtroppo, verrà il giorno che le vedrà fare la fine dell' 8 mm (e del super 8) e degli indiani americani !

Vorrà dire che mi prenderò un corpo digitale Nikon su cui montare tutto il mio parco ottiche Nikkor (ancora di quelle made in japan).
Sich !!




----------
FABRIZIO


Re: E adesso parliamo di fotografia !
20.10.2004 - 14:55
FABRIZIO ha scritto:

Per caso nessuno si è mai trovato con il problema di dover archiviare oltre 20.000 dia e altrettante fotografie/negativi ?
Magari qualcuno sa consigliarmi un programma/sistema per farlo.
Grazie.


Re: E adesso parliamo di fotografia !
25.10.2004 - 09:34
Quel FABRIZIO ha scritto: é un mio errore di "copia/incolla".


Re: E adesso parliamo di fotografia !
25.10.2004 - 14:04
Infatti, mi sembrava strano, dato che non ho mai avuto così tante diapositive !




----------
FABRIZIO


Re: E adesso parliamo di fotografia !
27.10.2004 - 10:12
Nemmeno io !! E' per un lavoro che devo fare,ma mi sa che verrà delegata una società :D


Spiacente, solo gli utenti registrati possono intervenire. Cosa aspetti a registrarti?

Clicca qui per collegarti


Pubblicita'


Pubblicita'





CellularItalia 1999-2022 - P.IVA 01168620993 - Tutti i diritti riservati