www.cellularitalia.com
 
         F O R U M    Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 
Ciao! Log in Crea un nuovo profilo

Avanzata

il tronchetto potrebbe vendere Tim

Inviato da iome 
il tronchetto potrebbe vendere Tim
06.09.2006 - 12:09
Guardate cosa è apparso sulla Padania di oggi!


Marco Tronchetti Provera avrebbe deciso di cedere al miglior offerente (straniero) la società leader dei telefonini
E intanto l’Italia perde anche Tim


“Morale: dopo cento giorni di governo Prodi, se questo quadro dovesse avverarsi, l’Italia resterebbe senza fili”. Parola di Dagospia.com, il (di solito) ben informato sito di gosspi & politica diretto da Roberto D’Agostino, che “sparava” ieri come “apertura”. Titolo da destare quanto meno curiosità: “Piange il telefonino, Tronchetti si è deciso a vendere Tim (all’asta) avrebbe già dato il mandato a Mediobanca e altre banche internazionali. Sawiris vende la rete ai cinesi - Sindacati sul piede di guerra pei licenziamenti”.
la notizia, c’è da ammetterlo, è davvero di quelle molto ghiotte. “Alla fine avrebbe ceduto - spiega infatto Dago - Glielo dicevano da mesi le banche d’affari: se vuoi uscire dalla morsa micidiale dei debiti, devi vendere il tuo gioiello. Così, dopo un rimuginare che è durato tutta l’estate, Marco Tronchetti Provera avrebbe fatto il grande passo: un mandato a Mediobanca e altre istituti internazionali per vendere i telefonini di Tim al miglior offerente”.
Lo scenario è di quelli sui quali promettono di scatenarsi gli analisti di tutto il Paese, e non solo loro. Tim viene non a caso definito “gioiello” della scuderia tronchettiana: vera gallina dalle uova d’oro, capace con i propri utili a molti zeri di tappare un poco di falle di un gruppo alle prese con una montagna di debiti pregressi. Non è un caso che, sempre secondo Dagospia, i pretendenti ad aggiudicarsi la maggiore società italiana di telefonia mobile non mancano proprio (ricordiamo che la numero due, l’ex Omnitel, è già finita alla Vodafone, e anche e anche la numero tre, Wind, è ormai in mani straniere). In campo, spiega il sito, sono in particolare “In campo, ”gli iberici di Telefonica, gli inglesi di British Telecom e i germanici di Deutsche Telecom”. Dall’elenco parebbe così escluso il maggiore “volto noto” tra i magnati internazionali delle telecomunicazioni. “E Rupert Murdoch?” si chiede infatti Dago. Risposta: oggi il presidente di TelecomItalia incontrerà a Londra il magnate australiano per siglare un accordo sui contenuti. Poca cosa rispetto alle attese. E proprio per questo la Borsa ieri avrebbe penalizzato il titolo Telecom.
Resta però il fatto: Tim rischia di finire in mani straniere. “La vendita della società è solo una minaccia o una realtà, come temono i sindacati?”, ci si chiede allora con malcelata preoccupazione. Ancora, prosegue dagospia: “È un modo per costringere il governo Prodi a far scendere in campo la Cassa Depositi e Prestiti, per salvare TelecomItalia? Anche perché un’eventuale vendita di Tim avrebbe fortissime ripercussioni occupazionali”. Insomma, una bella gatta da pelare per l’esecutivo.
I sindacati dei telefonici sono già peraltro sul piede di guerra con il magnate egiziano Sawiris, che vuole licenziare oltre mille dipendenti di Wind. È infatti questo, a quanto risulta, l’unico modo per riuscire a vendere la sua rete italica al tycoon cinese Li Ka-Shing, boss di Wampoa-Hutchison, proprietaria di H3G.
Ma sull’ipotesi l’Enel – azionista di Wind - mette il veto e il ministero delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, minaccia di togliergli la licenza. Perché su quelle reti passano tutte le comunicazioni riguardanti polizia, carabinieri e Guardia di Finanza. Insomma, la mossa non s’ha da fare.
Quale futuro, dunque, per la telefonia mobile del Belpaese. Le nubi all’orizzonte promettono soltanto tempesta.


[Data pubblicazione: 06/09/2006]

A voi i giudizi...


Re: il tronchetto potrebbe vendere Tim
06.09.2006 - 20:05
Io so solo che "Proto" mi aveva promesso liberalizzazioni a go go ed invece e finito per prendersela con tassinari (con cui poi e sceso a patti), commercialisti e farmacisti...

Se e quando ci saranno mai vere liberalizzazioni (gas, municipalizzate, telefonia, luce..) nasceranno nuove startup (anche italiane posso immaginare) e ci saranno reali benefici per tutti i consumatori (e non solo per quelli che prendono il taxi).

Finche ci sara un oligopolio e ovvio che le "galline dalle uova d'oro" faranno sempre gola alle multinazionali estere (quelle vere intendo e non quegli obbrobri italici che servono solo a far sparire gli utili alle bahamas/barbados...) per il semplice motivo (forse semplicistico) che possono fare utili "facili" in un mercato in cui nessuno fa concorrenza al ribasso (e basta fare un po di confronti tariffari tra le offerte vodafone nei diversi paesi per capirlo) ma tutti hano 3 telefonini.

Ma finche "Proto e compagnia" (e tutta la classe politica in generale) passerà il tempo a litigare per le nomine Rai o a firmare grazie, beh allora "avanti allo straniero"
Skumpic


Re: il tronchetto potrebbe vendere Tim
06.09.2006 - 21:40
Ben venga lo straniero se mi fa risparmiare, ben vengano le liberalizzazioni se mi fanno risparmiare! Non vedo quale sia il problema se sono gli stranieri ad avere in mano le aziende! Proprio con 2 compagnie appartenenti a stranieri (Wind e H3G) io assieme a tutta la mia famiglia e tanti miei amici intelligenti stiamo risparmiando tantissimi soldi! Tantissimi non è un eufemismo, sono parecchie migliaia di Euro tutti messi assieme! Continuate a regalare i soldi all'azienda italiana, io continuo a risparmiare e non vedo l'ora che il tronchetto se ne vada via per dare spazio a gente seria, si spera!

Se volete parlare invece di politica potrei argomentare tanto sul cavaliere ma sarebbe OT! Voglio comunque ricordare che l'indulto (un insulto contro la gente onesta) è stata fortemente votata dallo stesso cavaliere e dai suoi amici!


Re: il tronchetto potrebbe vendere Tim
10.09.2006 - 12:21
Per inciso, mi risulta che quella schifezza dell'indulto NON l'abbiano votata LEGA e AN.


Re: il tronchetto potrebbe vendere Tim
10.09.2006 - 14:00
Sì, è vero. AN, Lega e Italia dei Valori non hanno votato questa legge ma più dei 2/3 dei parlamentari che ci rappresentano hanno fatto un grosso favore a chi ha truffato i poveri cittadini, a chi ha commesso reati grandi e piccoli, non tenendo conto della gente onesta che c'è in Italia. La sinistra con questa mossa ha perso un voto; una volta dicevo che era sempre bene votare per lo meno "il meno peggio" ma è tutta una gran buffonata, dovunque si voti, facciamo solo gli interessi di chi riscalda le poltrone a Roma e a noi rimane la triste realtà di non avere giustizia, roba dell'altro mondo!!!



Re: il tronchetto potrebbe vendere Tim
11.09.2006 - 19:50
Copio e incollo da altro sito:

‘Le azioni Pirelli e Telecom in volo. Piazza Affari scommette sul riassetto’ (Repubblica 9/9/2006)
‘Tronchetti lancia il segnale di svolta, ora anche Tim può essere venduta’ (Repubblica 9/9/2006)
‘Dietro alla trattativa tra Telecom e Murdoch, una strategia industriale che accomuna i maggiori gruppi europei’ (Repubblica 9/9/2006)
‘La febbre sul riassetto mette le ali alla Pirelli’ (Corriere della Sera 9/9/2006)

La svolta, la scommessa, il riassetto, le ali, la strategia industriale, la febbre. Parole incantate. Proviamo a tradurle.

Telecom è indebitata per 41,3 miliardi di euro. Hopa, Unicredit e Banca Intesa sono uscite da Olimpia. Il tronchetto e l’esattore autostradale Benetton sono rimasti soli. Il tronchetto ha bisogno di liquidità. Dopo aver venduto ‘per riassettare’ Telespazio, Seat PG, Finsiel, Pirelli Cavi ecc, ecc. Dopo il crollo del valore azionario di Pirelli e di Telecom negli ultimi cinque anni. Dopo aver esternalizzato per dare ‘il segnale di svolta’ parte di Telecom. Dopo aver fuso per ‘strategia industriale’ Tim e Telecom, indebitando Telecom per disporre della liquidità generata da Tim. Dopo aver distribuito utili agli azionisti invece di usarli per ridurre il debito o fare investimenti. Dopo aver inutilmente cercato di piazzare in borsa Pirelli Tyre (gomme). Insomma, dopo averle provate tutte, secondo le indiscrezioni potrebbe vendere Tim, la rete di telefonia fissa, l’ultimo miglio. Tutto.
Quest’uomo è estenuante. Attraverso una serie di scatole cinesi MGMP>Mtp&cSapa>Gpi>Camfin>Pirelli&c>Olimpia controlla con una percentuale da prefisso telefonico la Telecom. Non ha soldi, ma li vuole. Il titolo di Telecom in carico ad Olimpia vale il doppio rispetto alla quotazione di borsa. Non viene svalutato. Nessuno sa perchè.
La telefonia e la dorsale sono centrali per lo sviluppo del Paese. Il governo non può stare a guardare. Cosa guarda Prodi? Chiude gli occhi, e sorride beato.


Spiacente, solo gli utenti registrati possono intervenire. Cosa aspetti a registrarti?

Clicca qui per collegarti


Pubblicita'


Pubblicita'





CellularItalia 1999-2020 - P.IVA 01168620993 - Tutti i diritti riservati