www.cellularitalia.com
 
         F O R U M    Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 
Ciao! Log in Crea un nuovo profilo

Avanzata

Qualche domanda a Cheli

Inviato da massimiliano 
Re: Qualche domanda a Cheli
02.04.2004 - 12:10
nad bukato ha scritto:


> Temo che tu mi abbia confuso con qualcun altro, che mi ha
> clonato il nick in "certi siti". ;-) (fine OT)

Mah non direi cmq lo spero... sopratutto per te.

>
> Tali mercati hanno conosciuto una liberalizzazione più veloce
> rispetto all'Italia, dove l'ex monopolista ha avuto parecchio
> tempo x accumulare un vantaggio sulla concorrenza pressoché
> incolmabile.
> Blu è entrata in scena troppo tardi, tant'è vero che non è
> riuscita a conquistare una fetta significativa di mercato, e
> tanto meno il primato tra le nuove attivazioni, neanche con
> tariffe da hard discount.

Assolutamente falso se consideri che proprio pochi giorni fa Enzo Cheli ha detto che ci sono le condizioni per un 4' operatore GSM. Non se l'e' inventato dal nulla, ci sono societa' interessate ad avere la 4a licenza GSM italiana e probabilmente il bandi ci sara' prima dell'estate.
Blu con tariffe da discount? Quando mai? Blu puntava tutto sulla qualita' e non sulla quantita'. Abbiamo visto due start-up diametralmente opposti da parte di Wind e Blu e tra le due le tariffe da discount (con pessimo servizio) non le ha fatte certo Blu che aveva un ARPU superiore a quello di Wind.

> Rispetto a 5-6 anni fa, il mercato è ormai saturo: che
> interesse avrebbero gli operatori a mantenere le tariffe
> d'allora, considerando che ben poca gente ha tempo da perdere
> con la MNP?

Siamo in un libero mercato in cui ci dovrebbe essere concorrenza. Il tuo ragionamento e' da Russia comunista...


> Scusa, ma tu chi saresti x conoscerla così bene? Un ministro?
> L'AD di una delle aziende coinvolte nella vicenda? Il direttore
> generale di un istituto di credito?
> E soprattutto, quali prove hai da portare a supporto delle tue
> tesi?

Non servono le prove. Le cose che ho detto sono piu che evidenti e soprattutto io non devo convincere nessuno, non e' questo che mi interessa.
Io non sono nessuno di importante ma , casualmente o quasi, mi sono ritrovato a parlare con persone che lo sono state.


> Spiacente, Valerio, ma io resto dell'impressione che tu non
> abbia l'umiltà d'ammettere d'esserti infilato in un gioco molto
> più grande di te, studente universitario della campagna romana.
> Resta il fatto che certe cose sono andate in maniera
> esattamente opposta a quanto da te garantito.
> Se poi vuoi continuare a gridare al "gomblotto", com'è
> abitudine di parecchi nostri connazionali che, trovatisi con il
> fondoschiena per terra, devono cercare a tutti i costi un capro
> espiatorio delle loro figuracce, fai pure.

Ti ripeto: non mi interessa convincere nessuno.
Ognuno rimanga della sua idea. Che qualcosa di poco chiaro c'e' stato intorno alla fine di Blu questo e' palese. Se puoi ti vuoi bendare gli occhi fai pure.


Re: Qualche domanda a Cheli
02.04.2004 - 12:58
Ok, la fine di Blu è poco chiara, i consumatori ci hanno rimesso...

Ora si propone di attivare di nuovo un quarto gestore Gsm, e la discussione è partita da questo fatto... Ora che cosa vuoi dimostrare? Che anche qui si farà qualcosa di marcio come per Blu, o cosa?
Perchè se nasce di nuovo un altro gestore, a questo punto è inutile rivangare il passato... Abbiamo di che sperarci, noi consumatori, e pazienza se Blu è andata, da consumatori dobbiamo guardare al futuro, non al passato...




----------
W i vecchi clienti!!


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 01:12
Io vorrei solo che fosse fatta chiarezza.
Se ORA mi si viene a dire che c'e' spazio per un quarto gestore mi viene da chiedermi perche' QUESTO governo non ha messo Blu in amministrazione controllata fino a che le condizioni non le avrebbero permesso di vivere di vita propria. Tutto qui.


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 09:29
> Blu con tariffe da discount? Quando mai?

Dopo la gara UMTS.

> Siamo in un libero mercato in cui ci dovrebbe essere
> concorrenza. Il tuo ragionamento e' da Russia comunista...

Il mio ragionamento è da aziende che, diversamente da quanto pensano diversi tifosotti delle TLC presenti su questo e altri ;-) forum, hanno un solo fine: guadagnare più soldi possibile. A seconda delle circostanze, lo si può fare abbassando o alzando i prezzi. Se, alzandoli, s'incrementano comunque gl'incassi, perché diamine bisognerebbe ridurli? A fare beneficenza ci pensano le ONLUS.

> Non servono le prove.

IMHO, sì. :-D

Cordialmente,
nad bukato
(tifosotti delle TLC in miniera? Sì, grazie!) :-D :-D :-D




----------
::diablo::


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 12:01
nad bukato ha scritto:

> > Blu con tariffe da discount? Quando mai?
>
> Dopo la gara UMTS.

Da come parli si capisce che non hai mai avuto Blu dato che le tariffe non sono variate.


> Il mio ragionamento è da aziende che, diversamente da quanto
> pensano diversi tifosotti delle TLC presenti su questo e altri
> ;-) forum, hanno un solo fine: guadagnare più soldi possibile.
> A seconda delle circostanze, lo si può fare abbassando o
> alzando i prezzi. Se, alzandoli, s'incrementano comunque
> gl'incassi, perché diamine bisognerebbe ridurli? A fare
> beneficenza ci pensano le ONLUS.

Ah certo. Allora anche tutte le case automobilistiche si mettono d'accordo e dicono: tanto le auto ce le devono comprare uguale. Alziamo tutti quanti i prezzi di 2.000 euro e cosi' guadagnamo sicuramente di piu. Stesso dicorso possono fare i supermercati. i negozi di abbigliamento, i gestori internet....
Ma sei impazzito? La concorrenza in un libero mercato non e' un accordo di cartello!

>
> > Non servono le prove.
>
> IMHO, sì. :-D

Allora sei de coccio.


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 12:17
blu-eyes ha scritto:

> Blu con tariffe da discount? Quando mai?

Ma va... a parte lo startup con scatto obbligatorio e costi di ricarica, negli ultimi tempi ti potevi trovare con 1) tariffe senza scatto tra cui la PlayTime che è ancora il mio sogno 2) costi di ricarica quasi sempre nulli con bancomat 3) almeno quattro volte l'anno promozioni stile "ricarica e raddoppia" o rimborsi del consumo 4) 30 SMS gratis a vita cumulabili ad altre promozioni sugli SMS (che costavano 12cent) 5) Nuove Sim con 10000Lit di Attivazione (quindi max 20% di sovrapprezzo all'attivazione, come una ricarica!). ... per non parlare di Evolution (per gli altospendenti), di Blu Class...

tutte cose che adesso neanche ci sognamo. E nemmeno la Wind dei tempi migliori (fu il mio primo operatore nove mesi dopo la sua nascita) ti dava tanto. Al contempo, la qualità del servizio era decisamente alta. Non ti sembrano motivazioni sufficienti perché l'Olimpo della finanza italica, sul punto di dar vita ad uno dei peggiori cartelli della storia finanziaria del paese, decida di far fuori un'esperienza del genere?

Saluti


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 12:44
blu-eyes ha scritto:

> Da come parli si capisce che non hai mai avuto Blu dato che le
> tariffe non sono variate.

Come no? Basta leggere il post di Giuseppe Asta! :-D

> > Il mio ragionamento è da aziende che, diversamente da quanto
> > pensano diversi tifosotti delle TLC presenti su questo e
> altri
> > ;-) forum, hanno un solo fine: guadagnare più soldi
> possibile.
> > A seconda delle circostanze, lo si può fare abbassando o
> > alzando i prezzi. Se, alzandoli, s'incrementano comunque
> > gl'incassi, perché diamine bisognerebbe ridurli? A fare
> > beneficenza ci pensano le ONLUS.
>
> Ah certo. Allora anche tutte le case automobilistiche si
> mettono d'accordo e dicono: tanto le auto ce le devono comprare
> uguale. Alziamo tutti quanti i prezzi di 2.000 euro e cosi'
> guadagnamo sicuramente di piu. Stesso dicorso possono fare i
> supermercati. i negozi di abbigliamento, i gestori internet....
> Ma sei impazzito? La concorrenza in un libero mercato non e' un
> accordo di cartello!

Rileggi bene il mio post: ho precisato "A seconda delle circostanze".
Per fare un esempio, io lavoro in una compagnia di navigazione che svolge servizio traghetti per la Sardegna: attualmente i prezzi sono in ribasso, perché l'offerta di navi è superiore alla domanda. Se metà di tali traghetti sparisse, quelli rimanenti non basterebbero a soddisfare le richieste: a quel punto, pensi che i superstiti non alzerebbero i prezzi? ;-)

Cordialmente,
nad bukato
(dietrologia? No, grazie!) ::au::




----------
::diablo::


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 12:48
Mesa' che voi non sapete nemmeno cosa significa prezzi discount....
Forse non vi ricordate che Wind offriva gli SMS COMPLETAMENTE GRATIS e niente costi di ricarica MAI, tariffazione a secondi per prima, niente scatto alla risposta per prima.

Blu si e' solo adeguata mettendo prezzi onesti, una via di mezzo tra le ladre oligopoliste e Wind. La qualita'ì pero' era nettamente superiore a quest'ultima e a livelli simi delle prime 2.

Senza dubbio dava molto fastidio ma e' quello che sto sostenendo da anni.
La mia domanda non e' questa.... e' per quale motivo e' stata fatta fuori IRREGOLARMENTE. Mi pare che Giuseppe sia d'accordo con me Nad...solo tu non lo capisci.


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 12:51
Giuseppe Asta ha scritto:

> blu-eyes ha scritto:
>
> > Blu con tariffe da discount? Quando mai?
>
> Ma va... a parte lo startup con scatto obbligatorio e costi di
> ricarica, negli ultimi tempi ti potevi trovare con 1) tariffe
> senza scatto tra cui la PlayTime che è ancora il mio sogno 2)
> costi di ricarica quasi sempre nulli con bancomat 3) almeno
> quattro volte l'anno promozioni stile "ricarica e raddoppia" o
> rimborsi del consumo 4) 30 SMS gratis a vita cumulabili ad
> altre promozioni sugli SMS (che costavano 12cent) 5) Nuove Sim
> con 10000Lit di Attivazione (quindi max 20% di sovrapprezzo
> all'attivazione, come una ricarica!). ... per non parlare di
> Evolution (per gli altospendenti), di Blu Class...

Appunto: se questi non sono prezzi da hard discount...
>
> tutte cose che adesso neanche ci sognamo. E nemmeno la Wind dei
> tempi migliori (fu il mio primo operatore nove mesi dopo la sua
> nascita) ti dava tanto. Al contempo, la qualità del servizio
> era decisamente alta. Non ti sembrano motivazioni sufficienti
> perché l'Olimpo della finanza italica, sul punto di dar vita ad
> uno dei peggiori cartelli della storia finanziaria del paese,
> decida di far fuori un'esperienza del genere?

No, perché Blu, nonostante le offerte da te puntualmente ricordate, era rimasta una compagnia per pochi intimi (il 3% del mercato). A chi poteva dare fastidio, considerando che il mercato era ormai prossimo alla saturazione e che la MNP è sostanzialmente rimasta un'opzione per chi non ha niente di meglio da fare?

Cordialmente,
nad bukato
(a mano e in lavatrice) ::au::




----------
::diablo::


Re: Qualche domanda a Cheli
03.04.2004 - 12:56
Ti vorrei ricordare che Blu con i suoi pochi intimi generava un traffico sufficiente per avere un guadagno e i clienti erano in continua crescita. I dati parlano chiaro: cercati i vecchi comunicati stampa che dicono che Blu andava cosi' bene che il break even inizialmente previsto per il 2005 era stato anticipato al 2004.


Re: Qualche domanda a Cheli
04.04.2004 - 11:16
blu-eyes ha scritto:

> Mesa' che voi non sapete nemmeno cosa significa prezzi
> discount....
> Forse non vi ricordate che Wind offriva gli SMS COMPLETAMENTE
> GRATIS e niente costi di ricarica MAI, tariffazione a secondi
> per prima, niente scatto alla risposta per prima.

Nel 1999-2000 era Wind l'operatore discount... per quanto 1) tariffe come Quando, Dove, Ovunque erano convenienti in fascia (temporale o spaziale) bassa, ma avevano prezzi parecchio alti in fascia alta... oggi nessuna tariffa in circolazione supera mai in 45 cent/min 2) la 24 ore, tariffa preattivata, conveniva solo nel weekend, per tutta la settimana ti trovavi a spendere più di 30 cent/min sempre e comunque 3) Ci sono stati sì mesi di SMS gratis, ma la rete era sempre intasata, potevano metterci ore ad arrivare; dopodiché il prezzo fu fissato a 240 lire: ora ci sembra poco, ma ai tempi OPI li tariffava ancora a 200!) 4) L'unica promozione veramente regala-soldi era il raddoppio del credito all'attivazione, 50.000 lire per una sim nuova con 100.000 di credito; blu da un certo punto in poi incominciò a farne continuamente - poi è vero che a lungo le sim arancio rimasero al prezzo dei credito incluso per un bel po'.
Al secondo anno di blu (2001-2002) a cui mi riferisco, le tariffe e le spese sia di Wind (che acquistando infostrada nonché le licenze UMTS diventava ben di più di un novello operatore GSM in cerca di clienti) sia di OPI iniziavano lentamente ma inesorabilmente ad aumentare verso il cartello... Blu tutto il contario! Diventava un concorrente pericoloso, seppur ancora piccolo, tanto più per TIM e OV che iniziavano a non avere abbastanza frequenze per garantire un servizio di qualità (dovevano introdurre MMS, GPRS ecc ecc) alla caterva di clienti che si trovavano; frequenze che lo spezzatino del 4° operatore servì su un piatto d'argento. Ora il nuovo operatore possibile non intoccherà minimamente quei Mhz che il triopolio si è accaparrato.

Saluti


Re: Qualche domanda a Cheli
04.04.2004 - 16:47
Ora, sostenere che sia stata fatta fuori perchè dava fastidio, mi sembra una ipotesi da complotto paranoico...
E' stata fatta fuori solo perchè ai suoi azionisti non importava più nulla di lei, perchè erano solo speculatori, come lo sono tante grosse aziende, e una volta visto che dava fastidio, ma non abbastanza, hanno deciso di lasciarla in pasto agli altri tre...
Ovvio che poi gli altri tre, già che c'erano, hanno caldamente sostenuto l'idea del pasto, visto che avevano solo da guadagnarci (in frequenze, e non solo in quello)

Wind ha sempre dato molto più fastidio, dal punto di vista commerciale, nonostante la scarsa qualità del servizio, eppure non è mai stata fatta fuori, perchè alle spalle ha sempre avuto un azionista di maggioranza statale, che per definizione non poteva essere fatto fuori da nessuno, ed è indubbiamente stata la sua fortuna...

Blu non aveva niente di tutto questo, doveva confrontarsi con concorrenti senza ombra di dubbio più grossi e più "squali" di lei, e semplicemente alla lunga non ha retto, ma la colpa non è di un complotto, ma dei suoi stessi azionisti che hanno smesso di credere in lei quando più ne aveva bisogno....




----------
W i vecchi clienti!!


Re: Qualche domanda a Cheli
04.04.2004 - 17:01
Bisogna vedere cosa intendi TU per complotto.
Azionisti amici di un presidente del Consiglio, ex azionista di Blu, che violano le regole internazionali sostenuti anche dal governo, per me non e' complotto....ma molto peggio.


Re: Qualche domanda a Cheli
04.04.2004 - 22:09
Ti sei dimenticato di citare i marziani, in combutta coi venusiani... rotfl




----------
W i vecchi clienti!!


Re: Qualche domanda a Cheli
04.04.2004 - 22:10
Sei ridicolo. Negare l'evidenza e' la cosa piu odiosa che esista.


Re: Qualche domanda a Cheli
05.04.2004 - 12:14
Vediamo di finirla con questa tragedia! Noto che negli anni non sei cambiato...

Hai esposto una ipotesi? Bene, altri hanno altre ipotesi... Ognuno è libero di avere la sua, e la tua ipotesi non è verità solo perchè è la tua ipotesi... Io la trovo in parte buona, qualcosa di credibile lo dici pure tu, in parte frutto di paranoie complottistiche.

Francamente, nonostante avessi una sim Blu e fossi cliente soddisfatto, ora non me ne può fregare nulla di nulla del perchè Blu ha fatto quella fine... Ora, ad interessarmi, sarebbe eventualmente la nascita di un quarto gestore gsm. Punto e stop. Come ti dicevo io guardo al futuro, non al passato... E da consumatore, l'unica cosa che potrebbe smuovere la situazione attuale, sarebbe un po' di concorrenza, che solo uno nuovo potrebbe dare... Io ragiono da consumatore, non da persona rancorosa verso il mondo, perchè il gestore del cuore ha fatto una brutta fine e vede complotti ovunque...

In ogni caso, anche all'ipotesi del quarto gestore, credo comunque poco... Se Gasparri esclude a priori l'ipotesi di un gestore virtuale, francamente non vedo chi potrebbe aver voglia di investire un sacco di quattrini in una tecnologia già vecchia, e per un mercato già saturo...




----------
W i vecchi clienti!!


Re: Qualche domanda a Cheli
05.04.2004 - 12:24
E chissa' per quale motivo Gasparri si oppone con tutte le sue forze?
Li leggi i giornali? Fini sta in rotta con Gasparri che si e' "troppo" avvicinato a Forza Italia anziche' seguire le direttive di AN.

Se tu pensi al futuro senza guardare al passato sei semplicemente molto superficiale.
Perche' si studia storia a scuola? ci sara' un motivo?
Non capisci che Blu ha creato un precedente molto molto pericoloso per il futuro?
Non ci arrivi?
Non capisci che adesso e' ancora piu pericolo dato che si stanno delineando dei gruppi telefonici globali tra cui spiccano Vodafone e FreeMove che coprono una fetta di mercato molto, troppo alta!!! FreeMove e' formata da ex monopolisti ti rendi conto?

Rispondimi: quando Enel (dello stato) si dovra' liberare di Wind, e non ci sara' nessuno che vorra' acquistare dato che FreeMove e' presente con Tim in Italia, Vodafone e' presente in Italia, H3g e' presente in Italia, cosa succedera'???? Si dira': ma cio' che e' stato fatto con Blu si puo' fare anche con Wind....

Prova a riflettere... Telefonica si e' ritirata da Ipse e poi e' entrata in alleanza con TIM. France Telecom e DT sono usciti da Wind e hanno fatto la stessa cosa....
Rimane solo British Telecom che e' uscita da Blu e ora sta fuori dai giochi....ma economicamente sta messa molto male e non ha potenzialita' per fare grandi acquisti.

Capisci ora perche' sono preoccupato?


Re: Qualche domanda a Cheli
05.04.2004 - 12:50
buffo come ci sia ancora tanta animosità nel parlare di gestore che i più nemmeno ricordano. a mio parere tutte le tesi esposte sulla fine di blu hanno un fondamento di verità. un quarto gestore però aveva un senso 4 o 5 anni fa quando tutti entravano in contatto per la prima volta col mondo della telefonia mobile. ora al massimo ci si può contendere i clienti con la mnp. e poi oggi tutti guardano all'umts; che senso ha spendere miliardi per creare una nuova rete gsm? con tutti i problemi di elettromagnetismo, comitati anti-antenne etc.
ho avuto una sim blu secondaria e francamente non mi sembrava nè tanto conveniente nè così evoluta in termini di servizi, ma è solo una mia impressione ovviamente.


Re: Qualche domanda a Cheli
05.04.2004 - 15:31
>Rispondimi: quando Enel (dello stato) si dovra' liberare di Wind, e non ci sara'
>nessuno che vorra' acquistare dato che FreeMove e' presente con Tim in Italia,
>Vodafone e' presente in Italia, H3g e' presente in Italia, cosa succedera'???? Si dira':
>ma cio' che e' stato fatto con Blu si puo' fare anche con Wind....

Questa è semplicemente un'altra ipotesi... Bisogna vedere se c'è davvero nessuno che la vuole comprare... In ogni caso è da vedere se enel ha intenzione di liberarsene del tutto, o solo in parte... E oltre a vendere delle quote, c'è la quotazione in borsa... E poi Wind non è così piccola: non si possono fagocitare nel nulla 40 e passa milioni di clienti (perchè Wind non è solo mobile, non dimentichiamocelo)... Vuol dire che se si fa lo spezzatino, e Libero non lo vuole nessuno, chiuderanno uno dei più grossi portali in Europa, e nessuno dirà niente... E chiuderanno anche Infostrada, che per ora è l'UNICA alternativa vagamente valida all'ex monopolio Telecom, o forse la venderanno a Tele2... Praticamente si tornerà al monopolio! E secondo te non se ne accorgerà nessuno? Mi sembra che le tue ipotesi, per quanto allarmanti, siano su 2 scale di grandezza ben diverse: Blu non aveva così tanti clienti, non si era espansa al punto in cui si è espansa Wind, offriva servizi solo su mobile e aveva sì e no un milione e mezzo di clienti...

Ciò non toglie che nel futuro di Wind ci sarà molto probabilmente un azionista, probabilmente non italiano, che la userà per fare soldi, come è stata usata Omnitel...
Quello che succederà a quel punto sono solo ipotesi, non certo la verità assoluta...
E non dimentichiamoci che in ogni caso, se il futuro è UMTS, allora nel futuro ci entra anche Tre...

In ogni caso, se la situazione è come la dipingi tu, in mezzo a questi colossi mangiatutto, secondo te Blu ce l'avrebbe fatta comunque? A prescindere dallo spezzatino? L'hanno sbranata nel modo più facile ed indolore, soprattutto per i dipendenti (per i consumatori un po' meno)...
Blu a chi si sarebbe affidata? A quale grosso gruppo avrebbe fatto riferimento? Se vedi tutti questi problemi nel futuro di Wind, a maggior ragione tali problemi li avrebbe patiti Blu... O forse credi ancora che Anthill avrebbe fatto il miracolo?




----------
W i vecchi clienti!!


Re: Qualche domanda a Cheli
05.04.2004 - 15:41
E in ogni caso il mondo è pieno di colossi, che tu non hai citato, ed uno di questi, che recentemente ha rotto con Hutchison 3G UK, guarda caso ha leggermente a che fare con Wind....
Se quelle citate da te non sono coincidenze, allora non lo è neppure questa....




----------
W i vecchi clienti!!


Questo thread è stato chiuso. Non sono ammessi ulteriori interventi!
Pubblicita'








CellularItalia 1999-2016 - P.IVA 01168620993 - Tutti i diritti riservati